ITA ENG FRA ESP
 
monouso per tutti gli usi
 
Storia

Tutto inizia nel 1971, in Sicilia.
La storia della DACCA è quella di un’impresa meridionale che ha saputo trasformare il rischio della marginalità geografica in preziose opportunità di sviluppo. Alla lungimiranza dei fondatori si sono aggiunti, in anni recenti, l’entusiasmo e l’energia della seconda generazione di imprenditori, pronti a confrontarsi con il mercato nazionale e a dialogare con i grandi nomi della Distribuzione Moderna. Energia, concretezza e qualità aziendale a 360 gradi fanno di DACCA una delle aziende leader in Italia nel settore delle stoviglie monouso in plastica.

Nel 1971 i fondatori, provenienti da un’esperienza di rappresentanza di prodotti analoghi, decidono di intraprendere la vendita organizzata con un marchio proprio. La DACCA di allora è un’azienda commerciale che tratta i cosiddetti piatti leggeri a velo e i bicchieri per le macchine distributrici di bevande, venduti in confezioni da pic-nic con poche unità di prodotto. Il mercato è infatti ancora ristretto e le occasioni d’uso limitate a consumi stagionali o d’emergenza. Nel 1975 la DACCA esordisce come industria e dalla fine degli anni Settanta concentra le proprie energie nell’organizzazione di una rete di vendita capillare in Sicilia, individuando altresì nella Calabria e nella Campania le zone del Meridione più redditizie per via della frequente penuria d’acqua che, come in Sicilia, motiva l’acquisto delle stoviglie in plastica usa e getta.

Gli anni ‘80 sono quelli del boom nel settore, determinato da un nuovo benessere e dall’evoluzione del sistema distributivo italiano: gli esercizi di vendita al dettaglio calano di peso a tutto vantaggio del canale grossista e di quello della Distribuzione Organizzata, nell’ambito della quale la DACCA inizia a stringere rapporti proficui. Alla fine degli anni Ottanta il 50% del fatturato è espresso nella sola Sicilia, il resto è ripartito tra Calabria, Campania, Puglia, Lazio e Sardegna. Sono gli anni della strutturazione industriale dell’azienda.

Negli anni ‘90 la DACCA si misura con un mercato più evoluto, quello della GDO, ormai presente nell’intero territorio nazionale. Ciò comporta la necessità di investire al massimo per innovare l’intero sistema produttivo ed essere così in grado di competere con una concorrenza sempre più aggressiva. La solidità di DACCA si rivela pienamente in questa fase di svolta, segnata dall’informatizzazione e dalla conseguente dinamizzazione della gestione aziendale, ma soprattutto dal cambio generazionale ai vertici della società, avvenuto con naturalezza, come si conviene ad un’azienda che ha sempre avuto nell’umanità dei rapporti interpersonali uno dei suoi più importanti tratti distintivi.

 

Newsletter

Inserisci qui la tua mail per essere informato comodamente delle novità DACCA